Tag

incosciente e superficiale
e stronzo
lo sono certamente: quel senso
di sgomento e rimpianto
(non so se avete presente)
proprio dentro le viscere, mordente
quando affiora il ricordo
di qualcosa di sbagliato o mancato
per propria colpa, nella vita
(credo che abbiate presente)

mi prende sì per il matrimonio svogliato,
per l’inganno più o meno consapevole
ai danni di quella che ho sposato,
per vent’anni di recitata borghesia,
per il divorzio coi bambini in età critica,
per l’essermi con inerzia adagiato
trent’anni interi in un lavoro noioso,
per un quarto di secolo annegato
in alcolismo triste, rancoroso,
per la vita chiusa in sogni,
priva di vere umane relazioni,
per aver letto pochissimi libri
e ascoltato pochissima musica
e sapere quasi niente del mondo,
e per altre cosette così

ma mi prende molto di più
per non essere andato al Teatro della Caduta
un giorno di primavera del 2009
quando in uno spettacolo di Federico
Eva dal vivo faceva Camilla
e io non m’ero accorto,
ero a cena da Malvina
e non m’ero accorto

razionalmente
poi lo so che è più importante
aver perso il maggior tempo dell’unica vita
in un lavoro di merda
in un matrimonio sbagliato
in nausea di bottiglie d’alcol da supermercato
e avere me stesso ingannato
e altre persone con me
razionalmente
lo so

ma nelle viscere
c’è molto più scompiglio di vuoto
se mi ritorna in mente
di non essere andato
al Teatro della Caduta
quando Eva dal vivo faceva Camilla

e sono le viscere che contano
non l’appiccicata estranea
finta imparaticcia
ragionevolezza

dunque non ho scusanti
e nemmeno più le cerco
sono incosciente e superficiale
e stronzo

e non so nemmeno
quanto mi sia utile sapere di esserlo
– ma forse un po’ sì


Scritta nel 2016.

Annunci