Tag

,

del lavoro la schiavitù
è madre della virtù
mentre l’ozio è padre del vizio
se ti vizia ti sevizia
le obese insaccate con frotte di bambini
di cui i maschi già le guardano protervi
mi irritano i nervi
così come
le finestre abbandonate del settimo piano
ennesim’Eden lasciato da Eva
così come
l’idiota tranviere che vuole sopprimere
i tram di sera perché c’è poca gente
solo tossici e troie
così come
l’obesa non insaccata che al tranviere pontifica
in lingua oscura d’Italia meridionale
ch’avrebbe il sindaco a scacciare
gl’immigrati
contestualizzare?
io dovrei cordialmente contestualizzare?
e a quale immondo mondo?
chine sotto bollette luce e gas
le obese insaccate e non insaccate
secernono bava di rabbia impotente
stagnante maleolente
mai comprenderebbero il dramma ventoso
d’Eva che non mi parla
io come posso comprendere il loro
blatte lente con zampe malate
sotto natiche abnormi
adoratrici di un breve suolo
grumo che imbratta i cieli e gli abissi
è da voi che vorrei poter difendere
io prode paladino
la bella Eva che avvolgendo in mormorii
nella vostra pochezza attraete
io prode paladino
il mio nulla è più del vostro tutto
vola il mio nulla
sulle grevi carcasse del tutto
tarchiati insetti ciarlieri
con giacche alla moda fintamente trascurate
io ho acqua valente a lavare
la saggezza che voi vomitate
ma sono solo a passare e ripassare
lo straccio vendicatore
ed è fitta boscaglia di spine
la zizzania che voi seminate
fra Eva e me
con naturalezza perché
fra qualunque Eva e qualunque me
davanti a ogni Angelica pensata
voi ciechi gaudenti di vostra cecità
seminereste
fra voi annuendo la vostra sapienza merdosa
di lavoro e serena sicura schiavitù
mentre l’ozio terribile e divino
schianta il mio cuore nell’incessante bufera
di noia e d’ardimento
io sono preso in un turbine di vento
che voi protetti nelle crepe del fango
riuscite a credere di non percepire
ma il vento porta l’acqua
che vi sommergerà
strilleranno come scrofe le insaccate rovesciate
fra gli annegati figli
una palla di fucile farà esplodere
il cranio dell’idiota tranviere
e liberi sul suo sangue i tram danzeranno
giorno e notte
e benché la mia morte sembri uguale
sarà diversa
col braccio teso a Eva da salvare


Scritta nel 2016.

Annunci