Tag

,

Se troppo ha fatto l’alta fantasia
chiusa in disparte fra soavi nebbie
discese da montagne immaginarie,
se troppo ha costruito la sintassi
di lingue generate da altre lingue
in un sublime gorgo personale
di suoni che l’orecchio ha indocilito
negli anni, come cani

occorre demolire, ritornare
alla banalità della battaglia
da balbettare in nuove gestazioni
fragili, audaci, come non ci fosse
un ieri: denudarsi e convenire
che quanto piace al sogno è breve mondo
benché perfetto: a lunghe imperfezioni
rioffrire il fianco e il cuore e il pugno chiuso
che s’apra in una nuova pulsazione
dove un celeste fiume imprevedibile
affogando l’usata commozione
irrompa vivo: non mescoli le carte
ma sgombri il tavolo, apra le porte
fosse pure sul vuoto.


Scritta nel 2016.

Annunci